lA MAGISTRATURA è COME TUTTO IL RESTO: DA RIFORMARE!

Non nascondiamoci dietro al dito degli ipocriti – la Politica in Italia ha in questi anni pervaso il pervasibile.

Un Socialismo municiale è funzionale alla lottizzazione d’ogni ruolo e funzione pubblica.

La Magistratura è da tempo per questo un altro alto potere che ha deviato dal dettato Costituzionale e le recenti indagini sul CSM e sul Consiglio Di Stato sono preoccupanti.

“In Nome del Popolo Italiano”

Una formula di rito che suona come una presa in giro.

Modifiche urgenti per non sentirsi di vivere in un regime:

  1. Il Diritto unificato va abolito;
  2. Separazione delle Carriere;
  3. CSM deve riunirsi e i suoi membri devono essere estratti a sorte e comandati presso la Corte per un periodo breve e temporaneo;
  4. La legge Vassalli per quanto migliorata deve essere certo perfezionata serve una Giuria Popolare affinchè ogni errore di un Magistrato è un errore dell’evocato Popolo Italiano e solo la Sovranità del Popolo può mettere in riga la Magistratura quando sbanda non i colleghi Magistrati che tra loro sono dati alla mano – corporativi e parziali;
  5. Il processo deve avere tempi certi e costituzionalmente determinati;
  6. Servono Magistrati giovani – concorsi regolari – eliminare GOT e Giudici di Pace – un primo grado sommario – non è Giustizia, solo attenzione e scrupolo la possono garantire;
  7. Il carcere deve essere un presidio per chi rappresenta un pericolo si deve ricorrere a sanzioni amministrative e arresti domiciliari;
  8. Lo Stato deve organizzare un sistema carcerario legale e rispettoso della dignità umana.

Possiamo riformarla o tenerci l’Italia così com’è un giocattolo rotto che non funziona per i cittadini ma per privilegiati e speculatori.


Ecco 10 luxury food più costosi al mondo
  • Tartufo Bianco di Alba – 160,406 dollari;
  • Caviale Almas – 25,000 dollari;
  • Meloni Yubari King – 22,872 dollari;
  • Anguria Nera Densuke – 6,100 dollari;
  • Pizza Royale di Domenico Crolla – 4,200 dollari;
  • Samundari Khazana Curry di Bombay Brassiere – 3,200 dollari;
  • Bistecca di Wagyu di Craftsteak (NY) – 2,800 dollari;
  • Frittata di aragosta e caviale de Le Parker Meridien (NY) – 1,000 dollari;
  • Bagel dorato di Westin Hotel – 1,000 dollari;
  • Funghi Matsutake – 1,000 dollari.

NEW YORK – Il miele di Manuka (100 euro/kg) è  il miele più caro al mondo.

Fatta eccezione per il Miele Elvish  che deve il suo prezzo di 5000 euro/kg.  alla suggestione e alla rarità.

Questa speciale varietà di miele  viene estratta in grotte a 1800 metri di profondità presso la valle di Saricayir, nella città di Artvin, situata nel nord-est della Turchia – la produzione  ha valori quantitativi  ridicoli  e solo per questo il prezzo è altissimo.

Il miele Manuka invece – qualcuno  lo chiama  “oro liquido” e lo si può trovare online a partire da 20 dollari al vasetto, ma se vi azzardate ad andare in qualche negozio o supermercato specializzato, tipo l’Whole Foods a New York, il prezzo minimo è di 30 dollari a vasetto.

In Italia si parla anche di 50 euro a confezione – ma quella da 1kg costa oltre 100 euro.

Ma che avrà di tanto speciale? Pare sia miracoloso per vari problemi epidermici, da piaghe e psoriasi fino all’acne, oltre a risultare efficace contro altre malattie date le sue alte qualità antibatteriche e anti-infiammatorie.

Questo miele è prodotto in Nuova Zelanda da api che si nutrono con polline della pianta Manuka e fino alla fine del Diciannovesimo secolo solo la popolazione dei Maori era a conoscenza di questo ritrovato della natura.

Inseguito alcuni scienziati hanno scoperto le sue qualità anti batteriche e negli anni Novanta, grazie a uno studio effettuato dalla Waiko University di Hamilton in Nuova Zelanda, sempre più persone in tutto il mondo hanno iniziato a usarlo e apprezzarlo.

Fino alle immancabili celebrities: la cantante Katherine Jenkins sostiene che è fondamentale per la salute della sua gola, il tennista Novak Djokovic nel suo libro “Il punto vincente” rivela che la sua giornata inizia sempre con due cucchiaini di miele di manuka sciolti in acqua calda e l’attrice Scarlett Johansson lo ha promosso come perfetto alleato di bellezza.

Se lo spalma sulla faccia come maschera da tenere in posa 10-15 minuti e, voilà, è pronta per il red carpet.

Come si diceva è antibatterico, ma non solo. Ha la capacità di stimolare cellule indispensabili per la ricostruzione dei tessuti nel caso di una ferita infetta. Inoltre ha un forte potere anti-infiammatorio.

Le qualità antibiotiche del miele di Manuka sono date dall’alta presenza di perossido d’idrogeno, cosa comune ad altri tipi di miele, ma in più quello di Manuka ha componenti che lo rendono ancora più efficace.

Tra queste il principio attivo che lo rende unico è il metilgliossale (o MGO o methylglyoxal). Più è alta la concentrazione di questa componente, e lo potete leggere sulla confezione, più il potere anti-batterico del miele è forte.

Attenzione però, se volete usarlo sulle ferite, è consigliabile usare le versione medica, venduta in confezioni sterilizzate e in cui è stato trasformato in una specie di crema.

In America e altrove non è stato ancora riconosciuto ufficialmente come ritrovato medico ma in Australia campeggia già da tempo nella lista dei “prodotti terapeutici”.

f.


Fare impresa in europa

L’ITALIA non è un isola autarchica e neppure una Nazione con dazi doganali calibrati e pronti a proteggere le imprese italiane dalla concorrenza sleale di imprese che producono in situazioni drammatiche & costi ridicoli.

Il Mercato Unico Europeo impone lacci e lacciuoli, limiti che di fatto favoriscono altri Paesi UE ed extra-europei non è solerte a garantire alle imprese dell’unione delle pari opportunità!

Una competizione dove esistono Paesi dopati e Paesi come il Nostro che deve competere e superare una concorrenza che viaggia leggera e non con alle spalle pesanti fardelli.

Vediamo cosa pesa nel nostro zaino:

ASSICURAZIONILe più care e le più tassate
BUROCRAZIALa peggiore con alcuni paesi dell’est.*
CARBURANTETra i tre peggiori
CORRUZIONETra i peggiori dell’unione Europea**
Cuneo Fiscale Monoreddito+2F3° PEGGIORI col 38,6%
CUNEO FISCALE SINGLE5° PEGGIORI col 47,8%
ENERGIA ELETTRICA5°PEGGIOR COSTO – 38° SU 42
GIUSTIZIA35° PER EFFICIENZA su 42
SALARI MEDI13° IN EU – NELLA MEDIA SU 42
ISTRUZIONE30° SU 42 X SPESA  (4%PIL)
TASSE RAPPORTO COL PIL6° NEL MONDO  (42,9%)
TASSE R/PIL E SOMMERSO1° NEL MONDO  (51,6%***)
ACCESSO AL CREDITO6° PEGGIORE SU 42****
TRASPORTI SU GOMMA3° PEGGIORE (85,9%)
COSTI AUTOSTRADE2°  PEGGIORE  (1° FRANCIA)

note e precisazioni:

  • *Burocrazia peggio di noi solo Bulgaria, Cipro, Croazia, Romania, Slovenia, Repubblica Ceca e Slovacchia.
  • **Corruzione come noi solo  Romania Grecia Bulgaria.
  • ***Tasse il rapporto col solo PIL falsa la reale pressione fiscale perché in Italia tenendo conto del lavoro nero e della produzione sommersa o evasione fiscale la reale pressione fiscale sulle imprese regolari è prima nel Mondo.
  • **** L’accesso al credito è stato indicato come il problema più incalzante dal 40% delle PMI a Cipro, dal 32% in Grecia, dal 23% in Spagna e Croazia, dal 22% in Slovenia, dal 20% in Irlanda, Italia e nei Paesi Bassi, contro valori del 7% in Austria, dell’8% in Germania o del 9% in Polonia. (fonte UE)

Questa è la condizione del Paese il lascito del governo Renzi e di quanti lo hanno preceduto senza alcuna esclusione nel demerito, nei 75 anni di Repubblica Italiana.

Per questo non comprendo come si possa pontificare contro il governo Conti-Salvini-DiMaio … dovrebbero almeno tacere quanti hanno fatto Politica in questi anni.

f.

Tanti auguri a tutti!