Val d'Orcia

cugusi

Il Pecorino di Pienza Cugusi il Cacio n°1 nel Mondo

Pluri premiato, disponibile in molteplici varianti che permettono di assaporare e conoscere appieno un prodotto frutto della migliore tradizione e lavorazione artigianale del latte di pecora:

  • fresco, semistagionato, stagionato,
  • cenerino, gran riserva,
  • al peperoncino, al tartufo, al pepe nero,
  • con foglie di noce, alle vinacce,
  • di fossa,
  • al latte crudo, erborinato,
  • primo sale, ricotta, raviggiolo.

Caseificio Cugusi di Cugusi Silvana:
Via della Boccia 8  – Strada per Pienza (SS.146)
53045 Montepulciano (SI) Italy
Tel/Fax +39 0578 757558
Email: info@caseificiocugusi.it

GPS: 43°06’03.2″N 11°45’15.0″E

Produzione – vendita – degustazione diretta – vendita on-line.

La tradizione casearia toscana del pecorino trae la sua forza da famiglie di pastori Sardi che hanno prevalso fin dai tempi antichi in questa peculiare lavorazione alimentare.

Alla loro dedizione si deve il pecorini Sardo, Romano e Toscano.

Lo potete trovare indistintamente su tutto il territorio regionale ma l’eccellenza è proprio qui nei dintorni di Pienza dove si distingue appunto il caseificio Cugusi.

I pascoli qui per le pecore sono apparecchiati con erbe aromatiche che fanno la differenza: ascenzio, barbabecco e mentastro.

Il Pecorino di Pienza è una DOP, una produzione artigianale che rispetta antiche tradizioni stagionato in barriques di legno di rovere o aromatizzato in svariate interpretazioni resta l’esperienza gastronomica primaria del territorio di Pienza.

Accompagnato con pane, vino tipico di Montepulciano, Montalcino, del Chianti o della Val d’Orcia è esperienza imperdibile!

Altri accostamenti sono le composte a base di frutta locale che godono anch’esse della medesima attenzione e cura per il cibo praticata e universalmente riconosciuta al Territorio pientino.

Un formaggio stagionato ottimo grattugiato a connotare i sapore di zuppe, acquacotta, pappa al pomodoro o a scaglie con miele di castagno oppure di gelso.

© 2019 Pienza

Theme by Anders Norén